Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più visita la pagina dedicata alla Cookie Policy

header sito

SOCIAL

         

TARQUINIA

Promotore: Comune di Tarquinia - Associazione La Lestra

Tarquinia, importante centro etrusco (Sito Unesco) e medioevale, ha ospitato i primi due Festival della Complessità nel 2010 e 2011 e ha partecipato a quello del 2014 ed ora quello del 2015. Attraverso il suo Assessorato alla Cultura organizza ogni anno attività culturali di cui molte di livello nazionale e altre di grande rilevanza  per le loro caratteristiche altamente specialistiche. 

 tarquinia

L’ Associazione culturale La Lestra nasce a Tarquinia nel 1980 come consorzio artistico di pittura per poi ampliare i propri orizzonti a altre forme di arte e cultura. Conta più di 100 soci e svolge attività nelle due sedi avute in locazione dal Comune di Tarquinia, una nel centro storico e l’altra in un ex mattatoio ristrutturato.

 lestralogo-FB

TARQUINIA E IL MARE CHE UNIVA

 

sabato 4 luglio

Tarquinia e il mare che univa

conversazione

ore 21:00 - 21:45  presso la Chiesa di San Pancrazio, via delle Torri - Tarquinia (VT)

 

Il Mediterraneo è un mare che per secoli ha diviso e unito i popoli che ne abitavano le coste. Gli antichi marinai furono  audaci esploratori e commercianti. Le rotte che tracciarono diedero vita a vasti e potenti sistemi commerciali. Roma fece dell’area mediterranea un unico grande sistema: la prima e unica globalizzazione del Mediterraneo. Una rilettura sistemica di antiche vicende può aiutarci a comprendere alcune caratteristiche dei sistemi complessi e alcuni aspetti della globalizzazione che stiamo vivendo.

Fulvio Forino

Ideatore e coordinatore del Festival della Complessità, Presidente di  Dedalo 97, ha maturato una lunga esperienza come Direttore Sanitario Ospedaliero e Aziendale. Impegnato nella ricerca, nell’insegnamento  e nell’applicazione dei principi dell’approccio sistemico al management, alla medicina e alla formazione, docente in decine di eventi formativi e in diversi master e corsi universitarie,  è autore di saggi e articoli.

sabato 4 luglio

Il Sale e il Mare

conversazione con aperitivo

ore 21:45 - 22:30  presso la Chiesa di San Pancrazio, via delle Torri - Tarquinia (VT)

 

Il Mediterraneo ha sempre rappresentato un luogo di contatti tra  le civiltà e un ampio sistema di scambi. Su questo Mare si affacciavano popoli e territori con grandi capacità produttive e commerciali: si pensi al grano della sicilia e della Sardegna e dei territori delle coste del Lazio. Altro elemento fondamentale nelle economie antiche è il sale. Dalla documentazione archeologica abbiamo attestazioni dello sfruttamento delle saline già dall'epoca protostorica, fonti storiche e archeologiche ci accompagnano in questo viaggio nel tempo: dall'emporion greco di Gravisca attivo dal VII secolo a.C.  fino al pieno medioevo con il porto di Corneto.

Beatrice Casocavallo

Laureata in Lettere con indirizzo in Archeologia Medievale presso l'Università di Roma "La Sapienza" . Specializzata in Archeologia tardoantica e medievale alla I Scuola di Specializzazione di Roma. Dal 1995 dipendente del Mibact presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria meridionale ora confluita nella  Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell'Etruria meridionale. Svolge l'incarico di sub-consegnatario presso il Museo Nazionale di Tarquinia, fa parte dal 2010 del Servizio per il Medioevo e l'Archeologia Cristiana.
Collabora con la cattedra di Archeologia Medievale dell'Università di Roma "La Sapienza" allo scavo dell'insediamento rupestre di Santa Restituta a Tarquinia e con LlUniversità della Tuscia di Viterbo cattedra di Archeologia Medievale allo studio delle realtà rupestri di carattere sacro. Specialista delle problematiche relative alle produzioni ceramiche medievali del Lazio. Curatrice di cataloghi di mostre ha pubblicato articoli su riviste italiane e internazionali.

Newsletter

Inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail per ricevere la Newsletter del Festival della Complessità